“La Sapienza aderisce alla campagna “Diamo il meglio di noi” perché diffondere questi temi nella comunità universitaria

e in particolare tra gli studenti, rappresenta un modo per radicare la cultura della donazione a partire dalle generazioni più giovani al fine di costruire una società più consapevole e solidale”.

Con queste parole il rettore dell’Università ‘La Sapienza’ di Roma Eugenio Gaudio annuncia la firma dell’accordo tra l’ateneo, che conta oltre 110.000 studenti e 8.000 tra docenti, ricercatori e personale amministrativo, e il Centro Nazionale Trapianti, organo tecnico del Ministero della Salute in materia di donazione di organi, tessuti e cellule.
Il progetto è quello di coinvolgere e informare sul tema quanti più giovani possibile attraverso azioni di comunicazioni interna dedicate, quali l’inserimento di una pagina informativa e di un banner sul sito www.uniroma1.it, o la pubblicazione di pagine sull’argomento nella newsletter interne e nelle pagine social.
la volontà è quella di studiare anche azioni specifiche e targettizzate a seconda dell’età dei ragazzi coinvolti e di affiancare il Ministero della Salute e Il centro Nazionale Trapianti negli eventi di campagna previsti per il prossimo autunno.